Till sidans topp

Sidansvarig: Webbredaktion
Sidan uppdaterades: 2012-09-11 15:12

Tipsa en vän
Utskriftsversion

Il ruolo della Legge sull… - Göteborgs universitet Till startsida
Webbkarta
Till innehåll Läs mer om hur kakor används på gu.se

Il ruolo della Legge sulle Antichità Siriane per la protezione del patrimonio culturale fino allo scoppio della guerra civile in Siria nel 2011

Artikel i övriga tidskrifter
Författare Anas Al Khabour
Publicerad i Astarté. Estudios del Oriente Próximo y el Mediterráneo
Nummer/häfte 1
Sidor 1-13
ISSN 2659-3998
Publiceringsår 2018
Publicerad vid Institutionen för historiska studier
Sidor 1-13
Språk it
Länkar https://www.uco.es/ucopress/ojs/ind...
https://gup.ub.gu.se/file/207975
Ämnesord Syria, antiquities law, cultural heritage. Siria, legge sull’antichità, patrimonio culturale.
Ämneskategorier Kulturstudier

Sammanfattning

How cultural heritage in Syria was treated before the establishment of the Syrian Antiquities Law 1963 and how it was considered after? This paper attempts to answer this question starting with the Ottoman Empire period and going through the French mandate in Syria until the establishment of the Antiquities Law in 1963 with all its amendments 1999 ending by the deliberate destruction of heritage after the beginning of the civil war in March 2011. I aim to reflect my own previous experience as director of the National Museum of Raqqa 2003-2008 and Head of its Department of Antiquities and Museums. With parallel to the antiquities law, existed series of commissions and competent authorities that could, within the scope of lake of economic and human resources, protect the heritage in a satisfactory way. Cultural heritage has been considered as part of the nation’s identity and have passed different stages of conservation in sometimes or depredation in others, depending on the political scene. But in general, local laws and regulations in Syria served in attempt to control all activities related to heritage; exportation, excavation, research, preservation, display and diffusion. Come è stato gestito il patrimonio culturale siriano prima che fosse emanata la Legge sulle Antichità Siriane nel 1963? E come è stato considerato da quel momento in poi? Questo documento rappresenta il tentativo di rispondere a tale quesito, partendo dal periodo dell’Impero Ottomano, percorrendo poi gli anni del Mandato Francese in Siria fino all’emanazione della Legge sulle Antichità nel 1963 con tutti i suoi relativi emendamenti del 1999, per terminare infine con la deliberata distruzione del patrimonio culturale che ha fatto seguito all’inizio della guerra civile nel marzo 2011. Il mio proposito è quello di riferire la mia esperienza in qualità di Direttore del Museo Nazionale di Raqqa 2003-2008 e come Dirigente del Dipartimento delle Antichità e dei Musei. In parallelo alla Legge sulle Antichità esistevano una serie di commissioni ed enti competenti che erano in grado di proteggere il patrimonio culturale in maniera soddisfacente pur mancando le risorse umane ed economiche. Il patrimonio culturale è stato sempre considerato parte dell’identità nazionale ed è passato attraverso stadi di conservazione o depredazione, a seconda della scena politica, ma in generale le leggi e le regolamentazioni locali in Siria hanno avuto la funzione di controllare tutte le attività relative al patrimonio culturale: esportazione, rinvenimento, ricerca, preservazione, mostra e diffusione.

Sidansvarig: Webbredaktion|Sidan uppdaterades: 2012-09-11
Dela:

På Göteborgs universitet använder vi kakor (cookies) för att webbplatsen ska fungera på ett bra sätt för dig. Genom att surfa vidare godkänner du att vi använder kakor.  Vad är kakor?